skip to Main Content

Sclerosi tuberosa. L’impatto sul sistema nervoso centrale

I segni distintivi della ST si manifestano a carico di diversi organi e apparati, con un’ampia variabilità del quadro clinico anche in funzione delle differenti fasi di età dei pazienti. L’interessamento del sistema nervoso centrale…

Sclerosi tuberosa. Dalle basi patogenetiche alla terapia

La scoperta che mTOR abbia un ruolo di primo piano nella genesi della sclerosi tuberosa ha portato ad importanti sviluppi in campo terapeutico. Se finora l’approccio al paziente era in prevalenza di tipo chirurgico o…

Sclerosi tuberosa. Presente e futuro del trattamento con everolimus

Al 42° Congresso Nazionale LICE (Lega Italiana contro l'Epilessia) abbiamo incontrato la Dott.ssa Romina Moavero, specialista in Neuropsichiatria Infantile, Policlinico Universitario Tor Vergata e Ospedale Pediatrico Bambino Gesù, IRCCS, Roma. Dottoressa Moavero, parliamo dell’utilizzo in…

Everolimus e sirolimus, nuove conferme sulla sicurezza

Positivi i dati emersi da uno studio retrospettivo in una popolazione pediatrica Negli ultimi anni, i sintomi associati al complesso della sclerosi tuberosa (TSC) sono stati sempre più trattati con gli inibitori di mTOR everolimus…

Everolimus sicuro ed efficace nella sclerosi tuberosa

Riduce la frequenza di convulsioni nei pazienti pediatrici La terapia adiuvante con everolimus è sicura ed efficace nel ridurre la frequenza delle convulsioni nei pazienti pediatrici affetti da complesso della sclerosi tuberosa (TSC), secondo un'analisi…

Back To Top