skip to Main Content

Riabilitazione robotica: una risorsa per l’ictus cerebrale

Nel nostro paese l’ictus cerebrale colpisce ogni anno circa 120.000 persone, con un impatto drammatico sulla salute delle persone colpite. Le stime epidemiologiche sono eloquenti: si tratta della prima causa d’invalidità, seconda di demenza e…

Pilole

Fluoxetina nell’ictus acuto: nessun vantaggio a 12 mesi

Rispetto al placebo, il trattamento con fluoxetina dopo un ictus acuto non offre vantaggi in termini di outcome funzionali a 12 mesi, secondo i risultati di uno studio pubblicato su “Stroke” da Erik Lundström dell’Università…

Ictus, poca attenzione al rischio osteoporosi dopo l’evento

Raramente i pazienti vengono sottoposti a densitometria o assumono farmaci L’ictus è un riconosciuto fattore di rischio per osteoporosi, e quindi di cadute e fratture. La comprensione di come viene gestita l’osteoporosi dopo un evento…

Acido retinoico, nuovo fattore prognostico dopo l’ictus

Nei pazienti con ictus ischemico acuto primario, i bassi livelli sierici di acido retinoico possono essere predittivi del rischio di morte per tutte le cause e di morte per malattie cardiovascolari a sei mesi, secondo…

Back To Top