skip to Main Content

Un nuovo biomarcatore promettente per la malattia di Alzheimer

Analizzato il potere predittivo dei livelli di P-tau217 Il livello plasmatico di proteina tau fosforilata sulla treonina 217 (P-tau217) è un promettente biomarcatore della malattia di Alzheimer (AD), secondo uno studio pubblicato online sul “Journal…

Fattori di rischio ormonale ed endofenotipo di Alzheimer

Le differenze di genere sono emerse da uno studio su soggetti normali Rispetto agli uomini le donne cognitivamente normali, specialmente se in menopausa, hanno un alterato endofenotipo della malattia di Alzheimer, con una maggiore deposizione…

La dieta mediterranea abbassa il rischio di declino cognitivo

Trovata una correlazione in un’analisi degli studi AREDS 1 e AREDS 2 La dieta mediterranea è correlata a una funzione cognitiva più elevata: è quanto afferma un nuovo articolo pubblicato sulla rivista “Alzheimer's and Dementia”…

Vicinanza alle strade e disturbi neurologici: trovata una correlazione

Uno studio canadese evidenzia i rischi legati all’inquinamento atmosferico Vivere vicino alle vie di comunicazione è correlato a un incremento d’incidenza di specifici disturbi neurologici: lo rivela un nuovo studio pubblicato online su “Environmental Health”…

Barriera ematoencefalica e demenza, nuove ipotesi eziopatogenetiche

a cura di Cesare Peccarisi Un ampio studio multicentrico condotto da ricercatori prevalentemente americani con la partecipazione di centri di Canada, Germania e Israele appena pubblicato su bioRxiv (1)  aggiunge un’ipotesi eziopatogenetica alla malattia di…

Alzheimer, un anticorpo per ringiovanire il cervello

Buoni risultati nel modello murino con la somministrazione dell’anticorpo A13 Nel cervello umano adulto colpito dalla malattia di Alzheimer la neurogenesi è fortemente ridotta, a causa dell’accumulo nelle cellule staminali cerebrali di aggregati fortemente tossici…

Back To Top