skip to Main Content
vacccinazioni adulti

Vaccini a mRNA per SARS-CoV-2 e sclerosi multipla

Nella maggior parte dei pazienti con sclerosi multipla (SM) trattati con diversi farmaci modificanti la malattia, i vaccini per Covid-19 a mRNA inducono risposte immunitarie umorali e cellulo-mediate specifiche contro la proteina spike.

È quanto emerso da uno studio pubblicato sulla rivista “Neurology” da Carla Tortorella dell’Ospedale San Camillo-Forlanini di Roma e colleghi di una collaborazione tra istituti della capitale, tra cui l’Istituto Spallanzani e l’Università la Sapienza.

Il campione dello studio includeva operatori sanitari e pazienti con SM, che avevano completato il ciclo di due dosi di un vaccino a base di mRNA per SARS-CoV-2 nelle ultime 2-4 settimane.

Il campione dello studio comprendeva 78 operatori sanitari (età media, 44 anni; 20 uomini) e 108 pazienti con SM (età media, 47 anni; 34 uomini). I farmaci modificanti la malattia più comuni per la SM erano fingolimod (35 pazienti) e IFN-β (28 pazienti), seguiti da ocrelizumab (25 pazienti) e cladribina (20 pazienti).

Una risposta anticorpale anti-RBD rilevabile è stata osservata in tutti gli operatori sanitari e nell’80,5% dei pazienti con SM; una risposta anti-RBD rilevabile è stata registrata in tutti i pazienti trattati con cladribina (100%) e in quasi tutti i pazienti trattati con IFN-β (96,4%) o fingolimod (85,7%), questa risposta era evidente solo nel 40% dei pazienti trattati con ocrelizumab. I pazienti trattati con ocrelizumab o fingolimod hanno mostrato tassi di risposta inferiori rispetto agli operatori sanitari (p <0,0001 e p =0,0023, rispettivamente).

La risposta quantitativa specifica variava a seconda del trattamento farmacologico in corso: il titolo mediano degli anticorpi anti-RBD era significativamente più basso nei pazienti con SM trattati con ocrelizumab, fingolimod e cladribina, rispetto agli operatori sanitari. Nei pazienti trattati con IFN-β non c’era differenza nel titolo sierologico mediano rispetto agli operatori sanitari.

aggiornato il 07/02/2022 da Pierpaolo Benini

Folco Claudi

Giornalista medico scientifico