skip to Main Content

Ictus, per la prevenzione delle recidive meglio un approccio aggressivo

Nella riduzione dei livelli di colesterolo LDL per la prevenzione delle recidive di ictus con le terapie a base di statine, gli approcci più intensivi sembrano avere un profilo di rischio/beneficio migliore rispetto a quelle meno intensive, soprattutto per i pazienti con evidenza di aterosclerosi. È quanto emerge da uno studio pubblicato su “JAMA Neurology” da Meng Lee del Chang Gung Memorial Hospital di Taiwan e colleghi.

Gli autori hanno condotto una metanalisi di 11 studi clinici randomizzati, per complessivi 20.163 pazienti con pregresso ictus, di cui 13.518 (67,0%) di sesso maschile, con età media di 64,9 anni e follow-up medio di quattro anni.

I risultati aggregati hanno mostrato che le terapie più intensive a base di statine erano associate a un rischio ridotto di recidiva di ictus rispetto alle terapie meno intensive a base di statine per la riduzione delle LDL-C (rischio assoluto: 8,1% vs. 9,3%) e che il beneficio associato a queste terapie di riduzione delle LDL-C non era diverso tra le diverse strategie di riduzione delle LDL-C (statine vs. nessuna statina: RR: 0,90; più statine o ezetimibe vs. meno statine o ezetimibe: RR: 0,77; e inibitori della proproteina convertasi subtilisina/kexina di tipo 9 più statine vs. placebo più statine: RR, 0,90; p =0,42 per l’interazione).

Inoltre, le terapie a base di statine più intensive sono risultate associate a un rischio ridotto di eventi cardiovascolari maggiori, ma a un aumento del rischio di ictus emorragico, rispetto alle terapie meno intensive.

Infine, le terapie più intensive a base di statine sono risultate associate a un rischio ridotto di recidiva di ictus negli studi su pazienti con evidenza di aterosclerosi (RR: 0,79), ma non negli studi con la maggior parte dei pazienti senza evidenza di questa condizione (RR: 0,95; p = 0,04 per l’interazione), rispetto alle terapie meno intensive.

aggiornato il 01/04/2022 da Alessandro Visca

Folco Claudi

Giornalista medico scientifico