skip to Main Content
sclerosi multipla lesioni

RIS, il deterioramento cognitivo come fattore predittivo di SM

Esaminato il rischio di progressione in pazienti con RIS

Il deterioramento cognitivo nella sindrome radiologicamente isolata (RIS) è associato a una maggiore atrofia della materia grigia corticale e sottocorticale e può essere predittivo del futuro rischio di sclerosi multipla (SM).

È quanto emerso da uno studio pubblicato sulla rivista “Multiple Sclerosis and Related Disorders” da Ángela Domingo-Santos, dell’Hospital “La Mancha Centro” di Ciudad Real, in Spagna e colleghi.

Sono stati coinvolti 17 pazienti con RIS tra i 18 e i 55 anni, reclutati dai database esistenti presso le i centri per la SM sul territorio nazionale spagnolo.

Sono stati reclutati anche 17 soggetti sani, abbinati per sesso, età e livello di istruzione, che costituivano il gruppo di controllo. I partecipanti sono stati sottoposti a valutazioni neuropsicologiche, compresa la valutazione del funzionamento cognitivo utilizzando la Rao Brief Repeatable Battery e lo Stroop test. Sulla base di queste valutazioni, i pazienti con RIS sono stati classificati come cognitivamente compromessi (n=6) o cognitivamente conservati (n=11).

Sia i pazienti sia i controlli sani sono stati anche sottoposti a esami di risonanza magnetica (MRI) e a misurazioni dei loro volumi cerebrali normalizzati.

L’analisi quantitativa MRI ha trovato una significativa atrofia cerebrale nei pazienti che erano cognitivamente compromessi rispetto al gruppo di controllo (p = 0,002) e al gruppo cognitivamente conservato (P = 0,0038). Anche il volume normalizzato della materia grigia era inferiore nei pazienti con deterioramento cognitivo rispetto ai controlli sani.

Un’analisi che ha incluso l’età e il livello di istruzione come covariate ha dimostrato una persistente associazione significativa tra deterioramento cognitivo e le principali misure di atrofia.

 

aggiornato il 20/01/2023 da Pierpaolo Benini

Folco Claudi

Giornalista medico scientifico