skip to Main Content

FA, variazione del rischio di demenza e MCI in funzione della terapia anticoagulante

Nei pazienti con fibrillazione atriale (FA), la demenza e il deterioramento cognitivo lieve (MCI) sono meno comuni tra quelli assumono anticoagulanti orali diretti (DOAC) rispetto a quelli che assumono antagonisti della vitamina K (VKA). È quanto emerso da

...

contenuto riservato agli utenti registrati

Accesso per utenti iscritti
   

Folco Claudi

Giornalista medico scientifico