skip to Main Content

Rivaroxaban vs. VKA nella sindrome da anticorpi antifosfolipidi

Fallito uno studio per dimostrare la non inferiorità dell’anticoagulante orale Si è concluso con un esito negativo uno studio condotto per dimostrare la non inferiorità di rivaroxaban rispetto agli antagonisti della vitamina K (VKA) nel ridurre le complicanze della sindrome da anticorpi antifosfolipidi. La ricerca, pubblicata online sugli “Annals of Internal Medicine” da Josep Ordi-Ros, dell’Istituto di ricerca Vall d’Hebrón di Barcellona, in Spagna, e

Questo contenuto è riservato agli utenti registrati, che preghiamo di autenticarsi nel form qui sotto.

Utenti collegati esistenti
   
Nuova Registrazione Utente





captcha
*Campo obbligatorio

Alessandro Visca

Giornalista professionista specializzato in editoria medico­­­­-scientifica, editor, formatore.

Back To Top