skip to Main Content

NMOSD: attacchi meno gravi con l’assunzione di inebilizumab

Secondo i risultati dello studio presentato all’annuale meeting del Consortium of Multiple Sclerosis Centers (CMSC) i pazienti con disturbo dello spettro della neuromielite ottica (NMOSD) trattati con inebilizumab, gli attacchi sono meno gravi rispetto ai soggetti trattati con

...

contenuto riservato agli utenti registrati

Accesso per utenti iscritti
   

Folco Claudi

Giornalista medico scientifico