skip to Main Content
Alzheimer, Antiepilettici Correlati A Un Maggior Rischio Di Polmonite

Alzheimer, antiepilettici correlati a un maggior rischio di polmonite

I dati sono relativi a una popolazione di soggetti con Alzheimer

L’uso di farmaci antiepilettici può aumentare il rischio di polmonite nei pazienti con malattia di Alzheimer, secondo uno studio recentemente pubblicato sul Journal of Alzheimer’s Disease da Heidi Taipale, dell’Università della Finlandia orientale a Kuopio, e colleghi.

Gli autori hanno utilizzato un database finlandese per identificare 70.718 pazienti con Alzheimer che vivono in comunità. Hanno considerato, in particolare, i nuovi utilizzatori di antiepilettici con un periodo di washout di un anno e hanno considerato una coorte abbinata (in rapporto 1:1) di non utilizzatori.

I ricercatori hanno scoperto che l’uso di farmaci antiepilettici era associato a un aumentato rischio di polmonite (hazard ratio aggiustato [aHR]: 1,92, tasso di incidenza, 12,58 per 100 anni-persona con uso di antiepilettici contro 6,41 senza uso). Il primo mese di utilizzo ha avuto il più alto rischio di polmonite (aHR: 3,59), con un valore che rimane elevato fino a due anni di utilizzo. Fenitoina, carbamazepina, acido valproico e pregabalin erano tutti associati a un aumentato rischio di polmonite.

“Il trattamento con antiepilettici è necessario per le persone con epilessia, ma le indicazioni si sono estese ad altre condizioni in cui le evidenze di efficacia sono spesso meno convincenti”, scrivono gli autori. “Pertanto, l’uso di farmaci antiepilettici in queste situazioni dovrebbe essere attentamente considerato: dovrebbero essere preferite alternative meno sedative, specialmente in questo fragile gruppo di persone anziane”.

Back To Top