skip to Main Content

Valutare la fatica nella malattia di Parkinson

La scala analogica visuale VAFS è affidabile e predittiva della qualità di vita

La fatica può essere definita come un senso opprimente di stanchezza e mancanza di energia, che rende difficoltose anche le attività di routine, fisiche o mentali. È anche uno dei sintomi della malattia di Parkinson spesso sottostimati, ma più comuni: colpisce infatti il 30-70% dei pazienti, con un notevole impatto sulla qualità della vita. Circa un terzo dei soggetti infatti considera la stanchezza il singolo sintomo più fastidioso, anche più dei sintomi motori associati alla malattia. A fronte di questo quadro epidemiologico, mancano ancora definizioni e classificazioni universalmente accettate.

Sul Journal of Translational Medicine, Raymond Chong, dell’Università di Augusta, in Georgia (Stati Uniti), e colleghi pubblicano ora un confronto di diverse scale di misurazione della fatica. Lo studio ha coinvolto 22 pazienti, valutati con quattro punteggi diversi: la Fatigue Severity Scale, la Functional Assessment of Chronic Illness Therapy-Fatigue, la Parkinson Fatigue Scale e la Visual Analog Fatigue Scale (VAFS). Oltre a ciò, gli autori hanno considerato altre misurazioni di fattori significativi: capacità cognitive, depressione, qualità del sonno, attività fisica e sintomi di Parkinson. I risultati hanno mostrato che la Fatigue Severity Scale, la Parkinson Fatigue Scale e la Visual Analog Fatigue Scale erano coerenti tra loro, e potevano prevedere con certezza elevata se i risultati provenivano dai pazienti parkinsoniani oppure da coniugi e caregiver.

Tra i quattro sistemi di valutazione, la Visual Analogue Fatigue Scale è risultata la più affidabile, e i pazienti che hanno valutato la loro fatica come inferiore a 5,5 (i valori più bassi indicavano maggiore affaticamento) sono risultati tre volte più soggetti ad avere un’eccessiva stanchezza.

Secondo le conclusioni degli autori, dunque, la VAFS è uno strumento altamente coerente e affidabile per valutare l’affaticamento nei pazienti con malattia di Parkinson e il suo punteggio è strettamente correlato alla loro qualità della vita.

 

Ultimo aggiornamento il 11 Dicembre 2018 di Alessandro Visca

Alessandro Visca

Giornalista professionista specializzato in editoria medico­­­­-scientifica, editor, formatore.

Back To Top