skip to Main Content

Parkinson, l’esposizione al biossido di azoto aumenta il rischio di sviluppare la malattia?

Un’elevata esposizione al biossido di azoto può aumentare il rischio di malattia di Parkinson. È quanto emerso da un’analisi di dati sanitari raccolti dal servizio di assicurazione sanitaria nazionale coreano, pubblicato online a maggio su “JAMA Neurology” a firma di Sungyang Jo, delll’Università di Ulsan a Seoul, in Corea del Sud, e colleghi.

Lo studio, con disegno retrospettivo di coorte, ha coinvolto complessivamente 78.830 adulti oltre i 40 anni di età non affetti da Parkinson vissuti nella capitale coreana tra gennaio 2002 e dicembre 2006 e seguiti nel follow-up fino a dicembre 2015. Sulla base dell’indirizzo di residenza dei partecipanti, i ricercatori hanno stimato i livelli di esposizione a diversi inquinanti atmosferici: particolato fine (PM2.5 e PM10), biossido di azoto, ozono, biossido di zolfo e monossido di carbonio.

Dall’analisi statistica dei dati raccolti, è risultato che l’età media al basale era di 54,4 anni e il 52,1% dei partecipanti erano di sesso femminile. Durante il periodo di studio, sono stati rilevati 338 casi di nuova diagnosi di malattia di Parkinson, e un aumento del rischio di Parkinson con l’esposizione al biossido di azoto (hazard ratio per il quartile più alto rispetto al più basso: 1,41). Non ci sono state associazioni statisticamente significative tra l’esposizione agli altri inquinanti atmosferici e l’incidenza della malattia.

Secondo le conclusioni degli autori, i risultati dovrebbero indurre a considerare più approfonditamente la connessione tra esposizione agli inquinanti atmosferici e malattie neurodegenerative.

Ultimo aggiornamento il 6 Luglio 2021 di Alessandro Visca

Folco Claudi

Giornalista medico scientifico

Back To Top