skip to Main Content

I livelli β-amiloide nella mezza età come marker predittivo di decadimento cognitivo e demenza

Le concentrazioni plasmatiche di amiloide-beta nella mezza età sono associate al rischio di decadimento cognitivo lieve (MCI) e demenza nelle decadi successive.

Lo rivela uno studio pubblicato su “Neurology” da Kevin J. Sullivan dello University of Mississippi Medical Center di Jackson (Usa), e colleghi che hanno esaminato retrospettivamente i dati di un sottocampione dello studio di coorte Atherosclerosis Risk in Communities, in cui sono stati misurati i livelli plasmatici di Aß42 e Aß40 per 2.284 partecipanti complessivi.

I ricercatori hanno scoperto che ogni raddoppio del rapporto Aß42:Aß40 nella mezza età era associato a un rischio significativamente inferiore per MCI e demenza (rapporto di rischio relativo: 0,63), fino a circa il valore mediano (valore di soglia del modello di spline: 0,20).

Ogni deviazione standard di aumento della concentrazione plasmatica di Aß42 (10 pg/mL) è risultata associata a un rischio più basso di MCI e demenza (rapporto di rischio relativo: 0,87), mentre per ogni deviazione standard di aumento della concentrazione plasmatica di Aß40 (67 pg/mL) è emerso un rischio più elevato MCI/demenza (rapporto di rischio relativo: 1,15). Quando sono state ripetute le analisi statistiche utilizzando predittori plasmatici di Aß in tarda età, le correlazioni erano comparabili ma leggermente più deboli dal punto di vista statistico. Sullivan spiega:

Un raddoppio del rapporto di beta amiloide 42/40 è risultato associato a un rischio inferiore del 37 per cento di decadimento cognitivo lieve o demenza nell’età successiva, che è paragonabile a circa cinque anni di età in meno; e un raddoppio di questo rapporto sotto questa soglia a fine vita era paragonabile a circa tre anni di età più giovane.

L’amiloide-beta può quindi essere utile come biomarcatore per il rischio di futuro deterioramento cognitivo”.

 

Ultimo aggiornamento il 17 Settembre 2021 di Pierpaolo Benini

Folco Claudi

Giornalista medico scientifico

Back To Top