skip to Main Content

Conoscere l’ictus per prevenirlo: al via una nuova campagna informativa

Promossa da A.L.I.Ce. Italia Onlus si basa su un glossario e un questionario online

La conoscenza come punto di partenza per un’efficace prevenzione. È questo il credo su cui si basa una nuova campagna d’informazione online “Indovina l’Ictus. Osserva, Riconosci, Intervieni”, progetto realizzato da A.L.I.Ce. Italia Onlus, Associazione per la lotta all’ictus cerebrale, in collaborazione con Medtronic.

Gli autori del progetto hanno scelto un glossario di 33 termini chiave come “anticoagulanti”, “fibrillazione atriale”, “ictus cerebrale”, “monitoraggio cardiaco” che vengono presentati e spiegati con un linguaggio comprensibile a tutti sul sito www.indovinalictus.it, insieme con un questionario interattivo che permette agli utenti di verificare e aumentare la propria conoscenza non solo su come si possa prevenire e curare l’ictus, ma anche su come riconoscere i sintomi di un evento capitato a una persona che si ha di fronte. La tempestività del primo soccorso è infatti un fattore cruciale per la prognosi dell’ictus.

“È fondamentale diffondere la cultura della prevenzione sia primaria che secondaria e insistere sul ruolo chiave del fattore tempo: l’ictus cerebrale, definito come ‘l’epidemia del XXI secolo’, può essere evitato nell’80% dei casi attraverso il riconoscimento e il trattamento dei principali fattori di rischio quali fibrillazione atriale, ipertensione arteriosa, obesità, diabete, fumo, alimentazione non corretta, scarsa attività fisica”, ha sottolineato Nicoletta Reale, presidente di A.L.I.Ce. Italia Onlus. “È nostro compito informare ed educare la popolazione, considerando non solo la dimensione epidemiologica di questa patologia, ma anche l’impatto socio-economico e le conseguenze in termini di mortalità e soprattutto di disabilità”.

Ultimo aggiornamento il 25 Febbraio 2019 di Alessandro Visca

Alessandro Visca

Giornalista professionista specializzato in editoria medico­­­­-scientifica, editor, formatore.

Back To Top