skip to Main Content

Allergie alimentari e sclerosi multipla: confermata la correlazione

I pazienti allergici hanno un maggior rischio di attacchi e nuove lesioni

Esiste una correlazione tra allergie alimentari e ricadute della sclerosi multipla. La conferma viene da un nuovo studio pubblicato sul Journal of Neurology, Neurosurgery & Psychiatry da Rami Fakih e colleghi dell’Harvard Medical School di Boston, nel Massachusetts (Stati Uniti). Gli autori hanno considerato complessivamente 1.349 partecipanti, che rappresentavano un sottogruppo di pazienti con sclerosi multipla arruolati nella Comprehensive Longitudinal Investigation of Multiple Sclerosis at Brigham and Women’s Hospital (CLIMB). I soggetti sono stati invitati a compilare un questionario auto-somministrato su allergie alimentari, ambientali e/o farmacologiche. I ricercatori hanno poi incrociato le risposte con i dati clinici e strumentali relativi a numero di attacchi, conteggio delle lesioni e lesioni captanti gadolinio alla risonanza magnetica, punteggi sulle scale Expanded Disability Status Scale (EDSS) ed MS severity score (MSSS).

Dai dati è emerso che i soggetti con allergie alimentari avevano, rispetto al gruppo senza allergie, un tasso di attacchi 1,38 volte superiore e un rischio doppio di lesioni captanti gadolinio alla risonanza magnetica. I soggetti con allergie ambientali o allergie ai farmaci non hanno invece mostrato differenze rispetto ai non allergici. I punteggi EDSS e MSSS non hanno invece rilevato differenze per alcun tipo di allergia.

“È interessante notare che questa associazione è stata trovata solo con allergie alimentari e non con altri tipi di allergie, come ci si aspetterebbe se si trattasse solo di un problema immunitario”, ha sottolineato Tanuja Chitnis, autore senior dello studio. “Riteniamo quindi che il meccanismo più probabile alla base della correlazione abbia a che fare con l’attività infiammatoria”.

“Da tempo è stata formulata l’ipotesi che l’intestino sia collegato al sistema immunitario, e questo indica un’associazione più forte di quanto non si fosse capito in precedenza”, ha aggiunto il ricercatore. “Questa ricerca apre la strada a un nuovo modo di pensare ai meccanismi immunitari nella sclerosi multipla”.

Ultimo aggiornamento il 12 Marzo 2019 di Alessandro Visca

Alessandro Visca

Giornalista professionista specializzato in editoria medico­­­­-scientifica, editor, formatore.

Back To Top