Skip to content

Rischio di disturbi neurologici in pazienti adulti con malattie infiammatorie intestinali

La malattia infiammatoria intestinale (IBD) può essere modestamente associata a un aumento del rischio di ictus, demenza per tutte le cause e malattia di Parkinson (PD). Sono necessari ulteriori studi longitudinali per indagare i potenziali legami con la SM, le convulsioni/epilessie e la neuropatia periferica, nonché il loro significato clinico. È quanto emerge da un nuovo studio apparso sulla rivista “Inflammatory Bowel Diseases” a prima firma di Mohammad Zamani, dell’Università di Teheran, in Iran.

Con i colleghi, Zamani ha condotto una revisione sistematica e metanalisi su studi di coorte che valutassero il rischio di sviluppare ictus, demenza per tutte le cause, PD, sclerosi multipla (SM), convulsioni/epilessia e neuropatia periferica in pazienti adulti affetti da IBD rispetto alla popolazione non IBD. Gli autori hanno anche combinato gli hazard ratio (HR) con gli intervalli di confidenza al 95% (CI) per calcolare le stime in pool utilizzando un modello a effetti casuali.

In totale sono stati inclusi 22 studi, di cui 9 hanno riportato 7.074 eventi di ictus in 202.460 pazienti con IBD, 5 studi hanno riportato 3.783 diagnosi di demenza per tutte le cause in 109.602 pazienti con IBD, 7 studi hanno riportato 932 diagnosi di PD in 354.792 pazienti con IBD e uno studio ha riportato 6 eventi di SM in 35.581 pazienti con IBD.

È stato osservato un aumento del rischio di ictus (pooled HR = 1,19; IC al 95%, 1,06-1,31), demenza per tutte le cause (pooled HR = 1,22; IC al 95%, 1,05-1,38), PD (pooled HR = 1,39; IC al 95%, 1,20-1,58) e SM (HR = 2,89; IC al 95%, 1,02-8,42). Non sono stati trovati studi idonei sulla neuropatia periferica e sulle convulsioni/epilessia.

Folco Claudi

Giornalista medico scientifico