skip to Main Content

Un modello di previsione per gli esiti neurocognitivi dell’avvelenamento da monossido di carbonio

Un modello di previsione affidabile durante la fase iniziale dell’avvelenamento da monossido di carbonio (CO) potrebbe aiutare a identificare i pazienti a rischio di sequele neurocognitive negative, secondo un articolo apparso su “JAMA Network Open” a firma di Sung Hwa Kim della Yonsei University a Wonju, in Corea del Sud.

I ricercatori hanno raccolto i dati di pazienti (N =1016) con avvelenamento acuto da CO visitati tra gennaio 2006 e luglio 2021 presso il Wonju Severance Christian Hospital e seguiti fino ad agosto 2021, che costituivano la coorte di derivazione. La coorte di validazione includeva invece i dati raccolti da agosto 2016 a giugno 2020 di 266 pazienti con avvelenamento da CO presso l’Inha University Hospital.

I pazienti sono stati trattati con ossigenoterapia al 100% e in camera ipebarica se presentavano perdita di coscienza, sintomi neurocognitivi, disfunzione cardiovascolare, enzimi cardiaci, alterazioni ischemiche all’elettrocardiogramma, acidosi grave o carbossiemoglobina (HbCO) di almeno il 25%.

I ricercatori hanno utilizzato modelli di regressione logistica per identificare i predittori di esiti neurocognitivi sfavorevoli nella coorte di derivazione utilizzando la Global Deterioration Scale (GDS).

La coorte di derivazione comprendeva 126 pazienti (12,4%) con punteggi GDS insufficienti. Tra gli 879 pazienti della coorte di derivazione con dati di follow-up a 1 anno, 757 (86,1%) avevano punteggi GDS invariati, 102 (11,6%) avevano punteggi GDS migliorati e 20 (2,3%) avevano punteggi GDS peggiorati.

Nel modello di previsione finale, l’età superiore a 50 anni (1 punto), il punteggio della Glasgow Coma Scale pari o inferiore a 12 (1 punto), lo shock (1 punto), il livello di creatinchinasi sierica superiore a 320 U/L al momento della presentazione al pronto soccorso (1 punto) e il mancato utilizzo dell’ossigenoterapia iperbarica (1 punto) sono rimasti fattori significativamente associati a un esito peggiore; pertanto, questo sistema di punteggio è stato denominato COGAS (creatinchinasi, ossigenoterapia iperbarica, Glasgow Coma Scale, età, shock).

L’area sotto la curva caratteristica operativa del ricevitore per il punteggio COGAS era 0,862 (95% CI, 0,828-0,895) per la coorte di derivazione e 0,870 (95% CI, 0,779-0,961) per la coorte di validazione.

aggiornato il 26/07/2022 da Alessandro Visca

Folco Claudi

Giornalista medico scientifico