skip to Main Content

Putin e l’andatura del pistolero: addestramento militare o segno di malattia?

Lo scorso 9 marzo in occasione della conferenza di presentazione della Settimana Mondiale del Cervello (1) al Presidente della Società Italiana di Neurologia Prof. Alfredo Berardelli della Sapienza di Roma, cui era affidata la relazione sugli effetti dell’invecchiamento sul sistema dopaminergico, è stato chiesto il suo parere su un articolo di Sandro Modeo pubblicato il giorno prima sul Corriere della Sera (2) in cui veniva formulata tutta una serie di ipotesi patologiche a carico del presidente della Federazione Russa, Vladimir Putin, che andavano dal tumore, alla paranoia per abuso di oppioidi, alla malattia di Parkinson, ecc. Il Presidente della SIN ha risposto di aver molto apprezzato l’articolo e di averlo riletto più volte, ma che, non avendo mai visitato Putin, non poteva dire se fosse o meno affetto da Parkinson, come insinuato da Modeo.

Il 21 aprile anche il giornalista Jacopo Iacoboni di La7, in occasione dell’incontro tra Putin e il Ministro russo della difesa Sergej  Šojgu, ha azzardato che la postura di Putin che si regge al tavolo con la sola mano destra, potesse deporre per una diagnosi di atrofia muscolare o di Parkinson (3).

“Andatura del pistolero”: addestramento militare o segno di malattia?

Torna utile allora uno studio policentrico internazionale pubblicato sul BMJ (4) molto prima della Brain Week 2022 da vari Autori fra cui anche l’italiano Angelo Antonini di Venezia i quali, su base osservazionale indiretta (5) arrivano a postulare un nuovo modello di deambulazione, che hanno chiamato “andatura del pistolero” (Gunslinger’s gait) verosimilmente derivante non già da malattia di Parkinson, bensì da un adattamento comportamentale innescato dall’addestramento del KGB all’uso delle armi che insegna a tenere la mano destra vicino al petto durante il cammino.

Andatura rilevata anche nel vice di Putin, Dmitri Medvedev. Gli Autori dello studio propendono per un cerimoniale di rito in cui, Medvedev, che non ha ricevuto un addestramento militare come Putin, camminando di fianco a lui durante la sua inaugurazione presidenziale, compie lo stesso movimento ridotto del braccio destro cercando di imitare l’andatura del Presidente.

Come sottolineano i ricercatori, ciò non toglie però che la riduzione asimmetrica dell’oscillazione di un braccio sia una caratteristica motoria inaugurale distintiva della malattia Parkinson, che può presentarsi nella fase preclinica in soggetti altrimenti clinicamente intatti.

Un esempio clamoroso, ricordano gli Autori, sono anche le registrazioni d’archivio del leggendario centrocampista inglese Ray Kennedy poi ammalatosi di Parkinson che mostravano già nelle sue prime partite di calcio movimenti asimmetricamente ridotti delle braccia (6).

BIBLIOGRAFIA

  1. Le Stagioni del Cervello: https://www.youtube.com/watch?v=XHTdIlWuvYs
  2. https://www.corriere.it/esteri/22_marzo_08/metamorfosi-vladimir-putin-7ce18aba-9df8-11ec-aa45-e6507f140451.shtml?&appunica=true&app_v1=true
  3. https://www.la7.it/intanto/video/putin-ha-il-parkinson-il-video-dellincontro-col-ministro-della-difesa-i-social-si-scatenano-21-04-2022-435014
  4. https://www.bmj.com/content/351/bmj.h6141
  5. https://www.theguardian.com/world/2009/aug/06/vladimir-putin-butterfly-stroke
  6. https://scholar.google.com/scholar?q=Lees AJ.+ When+did+Ray+Kennedy’s+Parkinson’s+disease+begin?Mov+Disord1992;7: 110-6

aggiornato il 26/07/2022 da Alessandro Visca

Cesare Peccarisi

Giornalista scientifico, neurologo, editorialista del Corriere Salute, Responsabile della Comunicazione Scientifica della Società Italiana di Neurologia