flavonoli

L’assunzione di flavonoli potrebbe rallentare il declino cognitivo

L’assunzione di flavonoli totali e di costituenti dei flavonoli sembra essere associata a un più lento declino cognitivo. È quanto emerso da uno studio pubblicato online il 22 novembre su “Neurology”, Thomas Monroe Holland, del Rush University Medical Center di Chicago, negli Stati Uniti, e colleghi hanno considerato una coorte di 961 partecipanti al Rush Memory and Aging Project, seguiti per 6,9 anni.

Nei loro dati clinici, hanno cercato le eventuali associazioni tra l’assunzione di flavonoli totali e dei loro costituenti nella dieta e la variazione delle prestazioni cognitive in termini di cognizione globale, memoria episodica, memoria semantica, capacità visuo-spaziale, velocità percettiva e memoria di lavoro in Per esaminare annualmente le prestazioni cognitive è stata utilizzata una batteria di 19 test cognitivi.
I ricercatori hanno riscontrato che il tasso di declino della cognizione globale e di più domini cognitivi era più lento in associazione a un maggiore apporto dietetico di flavonoli totali e di componenti dei flavonoli.

In particolare, l’assunzione totale di flavonoli era associata a un declino più lento della cognizione globale, della memoria episodica, della memoria semantica, della velocità percettiva e della memoria di lavoro, mentre era marginalmente associata all’abilità visuo-spaziale in modelli continui aggiustati per età, sesso, istruzione, APOE-ɛ4, attività cognitiva in tarda età, attività fisica e fumo. Nelle analisi dei singoli componenti flavonolici, l’assunzione di kaempferolo e quercetina è stata associata a un declino cognitivo globale più lento. Per la miricetina e l’isorhamnetina non è stata rilevata alcuna associazione con la cognizione globale.

aggiornato il 20/01/2023 da Alessandro Visca

Folco Claudi

Giornalista medico scientifico