skip to Main Content
demenza anziano

La multimorbilità nella mezza età come fattore predittivo di demenza

La multimorbilità nella mezza età ha una forte correlazione con lo sviluppo di demenza nell’età successiva. È quanto emerso da uno studio pubblicato sul “British Medical Journal” da Céline Ben Hassen dell’Università di Parigi e colleghi. Si tratta di uno studio di coorte prospettico denominato Whitehall II che tra il 1985 e il 1988 ha arruolato 10.095 soggetti di età compresa tra 35 e 55 anni al basale, i cui dati clinici sono stati aggiornati annualmente fino al 2019.

Dall’analisi statistica è emerso che la prevalenza della multimorbilità, definita dalla compresenza di due o più malattie croniche, era del 6,6% all’età di 55 anni e del 31,7% all’età di 70 anni; in un follow-up mediano di 31,7 anni si sono verificati 639 casi di demenza incidente.

Dopo l’aggiustamento per i fattori sociodemografici, la multimorbidità all’età di 55 anni è risultata associata al successivo rischio di demenza (differenza nel tasso di incidenza per 1000 anni-persona 1,56; hazard ratio [HR]: 2,44).

L’associazione si è indebolita progressivamente con l’avanzare dell’età al momento dell’insorgenza delle diverse patologie. All’età di 65 anni, l’insorgenza della multimorbidità prima dei 55 anni era associata a un aumento dell’incidenza di demenza di 3,86 per 1000 anni-persona con (HR: 2,46), mentre l’insorgenza della multimorbilità tra i 60 e i 65 anni era associata a un aumento dell’incidenza di demenza di 1,85 per 1000 anni-persona con maggiore incidenza (HR: 1,51).

La gravità della multimorbidità (definita da tre o più malattie croniche) all’età di 55 anni era associata a un’incidenza di demenza più elevata di 5,22 per 1000 anni-persona (hazard ratio: 4,96); le stesse analisi all’età di 70 anni mostravano un’incidenza più elevata di 4,49 per 1000 anni-persona (HR: 1,65).

aggiornato il 20/01/2023 da Alessandro Visca

Folco Claudi

Giornalista medico scientifico