skip to Main Content
tomografia ottica

Evidenza di degenerazione retinica nella CIDP

In pazienti con polineuropatia demielinizzante infiammatoria cronica (CIDP), la tomografia a coerenza ottica (OCT) spettrale può evidenziare una sottile degenerazione retinica, fornendo ulteriori prove di un coinvolgimento del sistema nervoso centrale (CNS), secondo i risultati dello studio pubblicati in “Neurology” da Jens Ingwersen, dell’Università di Düsseldorf, in Germania, e colleghi.

Anche se la CIDP colpisce principalmente il sistema nervoso periferico, alcuni studi condotti in passato hanno segnalato un concomitante coinvolgimento del SNC. L’obiettivo di questo studio prospettico e trasversale era perciò di esaminare i possibili cambiamenti strutturali della retina quali marcatori di degenerazione del SNC in pazienti con CIDP utilizzando OCT a dominio spettrale.

Sono così stati coinvolti 22 pazienti con CIDP (età media: 58,27 anni; per il 63,6% uomini) e 22 controlli sani abbinati per età e sesso (età media: 57,68 anni; per il 59,1% uomini). I ricercatori hanno confrontato lo spessore dello strato di fibre nervose retiniche peripapillare e gli strati retinici maculari più profondi.

Tra i pazienti con CIDP, rispetto agli individui sani di controllo, il volume maculare totale medio era significativamente ridotto (8,48 mm3 contro 8,75 mm3; p =0,018); c’era inoltre un assottigliamento significativo dello strato delle cellule gangliari (1,03 mm3 contro 1,07 mm3; p =0,037) e dello strato plessiforme interno (0,83 mm3 contro 0,88 mm3; p =0,015). infine, sono emerse lievi ma significative riduzioni di volume dell’epitelio pigmentato retinico (0,38 mm3 vs. 0,40 mm3; p =0,02) sono state riportate tra i pazienti con CIDP, rispetto agli individui sani di controllo.

I dati suggeriscono dunque l’esistenza di relazioni tra i volumi degli strati retinici, conduzione nervosa e i parametri clinici, compresa una notevole associazione positiva tra la velocità di conduzione del nervo motorio del nervo ulnare destro e il volume dello strato delle cellule gangliari (p =0,02; B =0,002).

 

aggiornato il 21/01/2022 da Pierpaolo Benini

Folco Claudi

Giornalista medico scientifico