skip to Main Content

Le caratteristiche del dolore cronico associato a sclerosi multipla

Negli Stati Uniti una survey ha indagato un problema poco conosciuto

Il dolore cronico associato alla sclerosi multipla può avere caratteristiche nocicettive, nociplastiche e/o neuropatiche: lo rivela un nuovo studio pubblicato sulla rivista “Pain” da Anna Kratz, dell’Università del Michigan ad Ann Arbor (Usa) e colleghi.

Gli autori hanno condotto una survey su internet coinvolgendo 842 statunitensi adulti con una diagnosi di sclerosi multipla (età media: 51,83±11,98), a cui era richiesto di descrivere le diverse caratteristiche del dolore percepito con l’aiuto di scale standardizzate, come la painDETECT per il dolore neuropatico, i Fibromyalgia Survey Criteria per il dolore nociplastico e la PROMIS Pain Intensity per l’intensità del dolore. Gli intervistati hanno anche risposto a domande sull’uso di antidolorifici e sul sollievo dal dolore associato.

Circa il 41% degli intervistati ha suggerito di aver provato un dolore nocicettivo, mentre il 27% degli intervistati ha dichiarato di avere un dolore misto neuropatico/nociplastico. Inoltre, il 23% ha dichiarato di avere un dolore nociplastico e il 9% un dolore neuropatico.

Dall’analisi delle risposte fornite dagli interpellati, è emerso che i diversi sottotipi di dolore differivano significativamente tra di loro in termini d’intensità sulla scala PROMIS. Il tipo nocicettivo era associato all’intensità più bassa (media: 44,98±6,89) mentre il tipo misto neuropatico/nociplastico a quella più alta (media, 55,06±5,77).

I farmaci più comunemente usati per l’analgesia in tutti i tipi di dolore erano i FANS, utilizzati dal 66,5% del campione, mentre gli steroidi erano i meno usati (6,5%). Le valutazioni di sollievo dal dolore per gli analgesici a base di cannabinoidi erano significativamente più alte per i soggetti con dolore misto rispetto a quelli con dolore neuropatico. Le valutazioni di sollievo per i FANS erano significativamente più alte per i soggetti con dolore nocicettivo rispetto ai sottotipi di dolore nociplastico e dolore misto, così come per i soggetti con dolore nociplastico rispetto a quelli con dolore misto.

 

Ultimo aggiornamento il 9 Gennaio 2021 di Pierpaolo Benini

Folco Claudi

Giornalista medico scientifico

Back To Top