skip to Main Content

La riduzione della pressione arteriosa diminuisce il rischio cardiovascolare per tutti

La terapia farmacologica per ridurre la pressione sanguigna sistolica è associata a un minor rischio di eventi cardiovascolari maggiori, indipendentemente dalla precedente diagnosi di malattia cardiovascolare e anche con pressione normale, secondo una ricerca pubblicata su “The Lancet” da Kazem Rahimi, dell’Università di Oxford, nel Regno Unito, e colleghi.

Si tratta di una metanalisi di 48 studi randomizzati, per complessivi 344.716 soggetti, in cui sono stati valutati gli effetti dell’assunzione di farmaci per abbassare la pressione sanguigna.

Al basale, la pressione sanguigna sistolica era inferiore a 130 mm Hg nel 19,8% con malattia cardiovascolare precedente e nell’8,0% dei partecipanti senza malattia cardiovascolare precedente. I ricercatori hanno scoperto che il 12,3% dei partecipanti ha avuto almeno un evento cardiovascolare maggiore dopo una mediana 4,15 anni di follow-up.

Tra i partecipanti senza precedenti malattie cardiovascolari al basale, il tasso di incidenza per lo sviluppo di un evento cardiovascolare maggiore per 1.000 anni-persona era 31,9 nel gruppo di confronto e 25,9 nel gruppo di intervento. Tra i soggetti con precedente malattia cardiovascolare al basale, i tassi corrispondenti erano 39,7 e 36,0 nel gruppo di confronto e nel gruppo di intervento, rispettivamente. Una riduzione di 5 mm Hg della pressione sanguigna sistolica è risultata associata ad hazard ratio (HR) di 0,91 e 0,89 per un evento cardiovascolare maggiore tra quelli senza e con precedenti malattie cardiovascolari, rispettivamente.

Secondo le conclusioni degli autori, questa analisi su larga scala di studi randomizzati mostra come una riduzione di 5 mm Hg della pressione sanguigna sistolica possa ridurre il rischio di eventi cardiovascolari maggiori di circa il 10%, indipendentemente da precedenti diagnosi di malattia cardiovascolare, anche a valori pressori normali o al limite superiore della norma.

Ultimo aggiornamento il 25 Maggio 2021 di Alessandro Visca

Folco Claudi

Giornalista medico scientifico

Back To Top