skip to Main Content

Vicinanza alle strade e disturbi neurologici: trovata una correlazione

Uno studio canadese evidenzia i rischi legati all’inquinamento atmosferico

Vivere vicino alle vie di comunicazione è correlato a un incremento d’incidenza di specifici disturbi neurologici: lo rivela un nuovo studio pubblicato online su “Environmental Health” da Weiran Yuchi e colleghi dell’Università della British Columbia a Vancouver, in Canada.

Gli autori hanno considerato un ampio database di dati relativi a circa 678.000 soggetti, di età compresa tra 45 e 84 anni, residenti nell’area metropolitana di Vancouver. Hanno poi verificato l’esistenza di una possibile correlazione della prossimità dell’abitazione alle vie di comunicazione e della conseguente esposizione all’inquinamento atmosferico e acustico con la demenza non di Alzheimer, il morbo di Parkinson, il morbo di Alzheimer e la sclerosi multipla.

l’analisi statistica ha mostrato effettivamente una correlazione della vicinanza della strada con tutti i  disturbi neurologici considerati. Per esempio, vivere a meno di 50 metri da una strada ad alto flusso di veicoli o a meno di 150 metri da un’autostrada ha mostrato un hazard ratio di 1,14 con la demenza non di Alzheimer. Per quanto riguarda invece il rapporto tra inquinanti atmosferici e incidenza della malattia di Parkinson e demenza non di Alzheimer, i valori di hazard ratio sono risultati di 1,09, 1,03 e 1,12 per ogni incremento interquartile dell’esposizione a particolato fine, nerofumo e biossido di azoto, rispettivamente. Non sono state osservate invece correlazioni dell’esposizione all’inquinamento con la malattia di Alzheimer o la sclerosi multipla, e neppure tra inquinamento acustico e disturbi neurologici. I dati, infine, suggeriscono un effetto protettivo della vicinanza alle aree verdi per il rischio di Parkinson e di demenza non di Alzheimer.

“I nostri risultati suggeriscono che gli sforzi di pianificazione urbana per aumentare l’accessibilità agli spazi verdi e per ridurre il traffico automobilistico sarebbero utili per la salute neurologica”, ha dichiarato Yuchi in una nota.

Ultimo aggiornamento il 5 Gennaio 2021 di Pierpaolo Benini

Alessandro Visca

Giornalista professionista specializzato in editoria medico­­­­-scientifica, editor, formatore.

Back To Top