skip to Main Content

Vicinanza alle strade e disturbi neurologici: trovata una correlazione

Uno studio canadese evidenzia i rischi legati all’inquinamento atmosferico

Vivere vicino alle vie di comunicazione è correlato a un incremento d’incidenza di specifici disturbi neurologici: lo rivela un nuovo studio pubblicato online su “Environmental Health” da Weiran Yuchi e colleghi dell’Università della British Columbia a Vancouver, in Canada.

Gli autori hanno considerato un ampio database di dati relativi a circa 678.000 soggetti, di età compresa tra 45 e 84 anni, residenti nell’area metropolitana di Vancouver. Hanno poi verificato l’esistenza di una possibile correlazione della prossimità dell’abitazione alle vie di comunicazione e della conseguente esposizione all’inquinamento atmosferico e acustico con la demenza non di Alzheimer, il morbo di Parkinson, il morbo di Alzheimer e la sclerosi multipla.

l’analisi statistica ha mostrato effettivamente una correlazione della vicinanza della strada con tutti i  disturbi neurologici considerati. Per esempio, vivere a meno di 50 metri da una strada ad alto flusso di veicoli o a meno di 150 metri da un’autostrada ha mostrato un hazard ratio di 1,14 con la demenza non di Alzheimer. Per quanto riguarda invece il rapporto tra inquinanti atmosferici e incidenza della malattia di Parkinson e demenza non di Alzheimer, i valori di hazard ratio sono risultati di 1,09, 1,03 e 1,12 per ogni incremento interquartile dell’esposizione a particolato fine, nerofumo e biossido di azoto, rispettivamente. Non sono state osservate invece correlazioni dell’esposizione all’inquinamento con la malattia di Alzheimer o la sclerosi multipla, e neppure tra inquinamento acustico e disturbi neurologici. I dati, infine, suggeriscono un effetto protettivo della vicinanza alle aree verdi per il rischio di Parkinson e di demenza non di Alzheimer.

“I nostri risultati suggeriscono che gli sforzi di pianificazione urbana per aumentare l’accessibilità agli spazi verdi e per ridurre il traffico automobilistico sarebbero utili per la salute neurologica”, ha dichiarato Yuchi in una nota.

Ultimo aggiornamento il 24 Febbraio 2020 di Alessandro Visca

Alessandro Visca

Giornalista professionista specializzato in editoria medico­­­­-scientifica, editor, formatore.

Back To Top