skip to Main Content

Sclerosi Multipla, ocrelizumab è efficace anche in condizioni di real world

Da un nuovo studio emerge anche l’influenza del BMI sul ripopolamento dei linfociti B Nuovi dati di real world pubblicati su “Multiple Sclerosis and Related Disorders” confermano l’efficacia di ocrelizumab nella sclerosi multipla (SM) recidivante-remittente e progressiva. Dallo studio, condotto da Elisabetta Signoriello dell’Università della Campania Luigi Vanvitelli e colleghi, è emerso anche che l’indice di massa corporea ha un’influenza significativa sul ripopolamento dei linfociti

Questo contenuto è riservato agli utenti registrati, che preghiamo di autenticarsi nel form qui sotto.

Utenti collegati esistenti
   
Nuova Registrazione Utente





captcha
*Campo obbligatorio

Alessandro Visca

Giornalista professionista specializzato in editoria medico­­­­-scientifica, editor, formatore.

Back To Top